"Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perchè i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti." (G. K. Chesterton)



mercoledì 9 dicembre 2015

"Costruiamo ponti!" insieme?

Nel semplice incontro di un uomo con l’altro si gioca l’essenziale, l’assoluto: nella manifestazione, nell’«epifania» del volto dell’altro scopro che il mondo è mio nella misura in cui lo posso condividere con l’altro. E l’assoluto si gioca nella prossimità, alla portata del mio sguardo, alla portata di un gesto di complicità o di aggressività, di accoglienza o di rifiuto.” (Emmanuel Lévinas) 

Che cos’è la pace? Come nasce? La pace dipende anche da noi? Cosa possiamo fare noi per costruirla? Dai tremendi fatti di Parigi e da queste pressanti domande è nato in me e in Emanuela De Alberti, artista e responsabile settore ragazzi e tempo libero la Feltrinelli Pavia, un progetto: “Costruiamo ponti!Si parte da un libro, “Un ponte tra le Valli” (Giacomo Bertoni, EdiGio' Edizioni), dalla storia di due popoli divisi da una propaganda ideologizzata e menzognera, dall’avventura di un gruppo di giovani amici che scopre l’inganno e sfida il mondo degli adulti alla ricerca della verità. Ma si arriva anche alla storia del libro, come piccolo tesoro depositario di cultura, tradizioni, come scrigno che custodisce il passato e apre al futuro con consapevolezza. Il libro e la libreria: luogo d’incontro, dibattito, ricerca, confronto. Per poi tornare alla storia di “Un ponte tra le Valli” e, con l’aiuto di Emanuela, costruire tutti insieme un ponte, colorarlo con i nostri colori preferiti, stenderlo nella libreria a simboleggiare che l’incontro è possibile, il contatto è vicino. 


Non abbiamo le risposte pronte alle domande sulla pace, ma abbiamo una certezza: la condivisione di esperienze, percorsi comuni, il racconto delle proprie tradizioni, il confronto fra le identità storiche e culturali di ciascuno, può rendere più definiti i tratti dell’altro, di chi ci appare come diverso. E diverso rimane, perché l’appiattimento nichilista delle differenze è un male e non la sua cura, ma nella differenza scopriamo la bellezza dell’incontro. Vogliamo colorarci tutti le mani e insieme dare vita ad un grande ponte, che ci auguriamo di portare poi fuori dalla libreria, nei nostri cuori e nelle nostre vite.   
Mi piace ricordarlo proprio oggi, festa di San Siro, patrono di Pavia, occasione per la mia città di incontro in Cattedrale, quest’anno anche per festeggiare don Andrea Migliavacca che diventa Vescovo di San Miniato. Vedere nel volto dell’altro il nostro riflesso. Rimaniamo umani e scopriamo il grande dono di essere umanità. 

La pace è convivialità. È mangiare il pane insieme con gli altri, senza separarsi. E l’altro è un volto da scoprire, da contemplare, da togliere dalle nebbie dell’omologazione, dell’appiattimento.” (don Tonino Bello)

Per info/prenotazioni: 
la Feltrinelli
Via XX Settembre, 21 Pavia
Tel. 0382/33154

Nessun commento:

Posta un commento

E tu, cosa ne pensi?