"Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perchè i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti." (G. K. Chesterton)



martedì 6 ottobre 2015

Verso il pensiero unico?

"Quanto più una società si allontana dalla verità, tanto più odierà quelli che la dicono." (George Orwell)

Orwell ha fotografato un pericolo tanto chiaro quanto subdolo: il pensiero unico. L’immagine che lo scrittore ci regala in “1984” non è poi così lontana dalla realtà odierna. Il pensiero unico è la lenta livellazione delle differenze, delle tante sfaccettature che compongono la realtà. E’ l’espressione pratica del desiderio di rendere tutti gli individui staccati fra loro, negare le relazioni vere, cancellare la solidarietà, trasformare i popoli in tante piccole pedine singole, che lottano fra di loro grazie a miseri specchietti per le allodole senza accorgersi che le decisioni più importanti per le loro vite vengono prese dall’alto.
Il pensiero unico trova forza nella solitudine dell’uomo contemporaneo: i nostri ritmi di vita oggi rendono più semplice stare in mezzo a molte persone, anche diverse ogni giorno, ma allontanano la possibilità di instaurare relazioni vere. Lo ha detto anche Papa Francesco pochi giorni fa: più l’individuo è isolato, più è manipolabile. E se è sciocco lasciarsi travolgere da manie di complottismo, è altrettanto colpevole fingere di non vedere le pressioni e le trame nascoste (ma non troppo) di lobby e multinazionali. 

Nel tempo del conformismo planetario, essere inattuali e fuori moda è un valore.” (Diego Fusaro)

E’ facile cadere nella trappola tesa anche dai mass media, che propongono ogni giorno un argomento “caldo”, un tema sensibile che distrae, e mentre litighiamo per cambiare il nome ad una tassa non vediamo ciò che viene deciso per il nostro futuro. “E’ importante parlare di economia oggi per sapere come va il mondo”. Ma alla base di tutto c’è ancora una volta la morale. La morale di chi decide le sorti dei popoli lasciandosi influenzare da lobby e convenienze, la morale di chi sa e tace, di chi finge di non capire, di chi non si interessa. Siamo anche noi responsabili, ciascuno nel proprio piccolo, di ciò che avviene nel mondo. Sembra che stiamo perdendo tutto ciò che ci rende diversi, e per questo simili. E ciò avviene a livello culturale, ma anche con scelte economiche. Pensiamo alla morte silenziosa di librerie indipendenti, di editori indipendenti, alla centralizzazione del mondo della rete in mano a pochissimi, potentissimi uomini. Vengono veicolate le informazioni, create le notizie, e non c’è posto per chi non è d’accordo.
Non c’è soluzione? No, non è vero. C’è la consapevolezza, che può guidare le nostre scelte in una ricerca continua della verità. Difficile, scomoda, ma vera. 

Momenti bui e difficili ci attendono. Presto dovremo affrontare la scelta fra ciò che è giusto e ciò che è facile.” (J.K. Rowling)

Nessun commento:

Posta un commento

E tu, cosa ne pensi?