"Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perchè i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti." (G. K. Chesterton)



sabato 25 febbraio 2017

Mostri nella penombra: un percorso al buio nel bestiario medievale

Possiamo parlare di tutto esaurito per la mostra “Mostri nella penombra. Un percorso al buio nel bestiario medievale”, iniziativa organizzata dai Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia in occasione di “M'illumino di meno”, la tredicesima campagna di sensibilizzazione sul risparmio energetico e gli stili di vita sostenibili. 


Nell'ambito dell'iniziativa – lanciata nel 2005 dalla trasmissione Caterpillar di Rai Radio 2 – che invita a ridurre al minimo il consumo energetico, spegnendo il maggior numero di dispositivi elettrici non indispensabili, i Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia hanno proposto una visita guidata gratuita (ingresso con biglietto museo 4 euro) nella totale penombra. 


Ai visitatori sono state consegnate piccole torce elettriche, per potersi destreggiare nei corridoi e fare luce sulle opere custodite nella Sezione Romanica dei Musei Civici guidati dalla dottoressa Marta Brambati.


Non una semplice visita, ma un vero e proprio viaggio nel tempo, camminando tra i resti di epoca romanica della città dalle cento torri e dalle centotrentacinque chiese.
Presenti anche molti bambini che, grazie all’entusiasmo della dottoressa Brambati, hanno aiutato gli adulti a riscoprire prima di tutto la meraviglia, lo stupore, la curiosità e la fantasia. Alla ricerca di mostri, draghi e sirene scolpiti nella pietra, per comprendere e approfondire la simbologia e l'immaginario dell'uomo medievale, la prima scoperta fatta è stata proprio questa: c’è un tesoro prezioso di fantasia che oggi rischiamo di perdere. 


La capacità, cioè, di guardare un’opera d’arte e immaginare altro. Un mondo altro, un’origine altra e diversa. Conservare insomma un bagaglio immaginativo in grado di travolgere anche la conoscenza scientifica, concedendosi, anche se solo per un’ora, la facoltà di mettere sullo stesso piano di realtà un pollo e un grifone, un’aquila e un drago, una sirena e un unicorno… Ok, io chiedo una proroga temporale. 


Pavia è una città dalla storia ricca e affascinante, le cui radici affondano profondamente nella cristianità, incisa nelle pietre delle sue chiese e dei suoi monumenti. Un viaggio nel tempo, nella storia passata, per comprendere meglio il presente. Ma, soprattutto, per non perdere la meraviglia.

Nessun commento:

Posta un commento

E tu, cosa ne pensi?