"Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perchè i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti." (G. K. Chesterton)



domenica 22 gennaio 2017

Il viaggio verso l'edicola e il capitale umano

Stai uscendo per andare a comprare i giornali. È presto, troppo presto per una domenica mattina. Hai litigato con un ghiaccio impertinente che non voleva saperne di andarsene dal parabrezza del tuo macinino. Però ormai sei in ballo: i giornali chiamano. La città si sveglia dolcemente: anche Pavia si stiracchia infreddolita e chiede, per una volta, di riposare ancora un’oretta. Superata una fila di alberi, dal finestrino entra un raggio di sole. Un raggio decisamente introverso, direi quasi asociale a giudicare dalla sua intensità, ma capace di trasformare in piccolo evento magico il suo ingresso dal finestrino ghiacciato.

Che uomini strani che siamo. Quasi non ci parliamo più, tutti presi dai nostri smartphone… Eh no! Con la dovuta buona creanza, mi chiamo fuori. Vivo felicemente libero dall’ossessione dei cinque selfie quotidiani (prontamente diffusi sui social). Tra l’altro, anche se ne fossi tentato, non potrei farli: il mio smartphone non ha la fotocamera davanti (da notare il linguaggio forbito). Che poi così smart non è, visto che non mi risponde mai quando lo prego di risolvere da solo i suoi problemi. 


A parte la mia ostinata preistoricità tecnologica, in pochi ci salviamo. E a fatica. Ma, nonostante il fascinoso abbraccio di una piccola scatolina luminosa che ci fa credere di essere onnipotenti e onniscienti, tutti abbiamo nostalgia della bellezza. La bellezza vera, senza filtri, senza cornici, senza emoticon. E tutti, quando la incontriamo, sentiamo il bisogno impellente di condividerla. E la condivisione genera relazione.

Nessuno oggi si è salvato dal mio racconto entusiasta del ghiaccio attraversato dal sole, nemmeno gli innocenti clienti della mia edicola di fiducia. Anche se ci viene raccontato che tutto questo è obsoleto e fuorimoda, non crediamoci. Noi abbiamo bisogno di lasciare impronte, ricordi e sensazioni nelle persone che ci vivono attorno. Nei volti che incontriamo spesso nella nostra quotidianità, riconosciamo prima di tutto una parte di noi.
Insomma, per concludere con logica... Chi compra un giornale (soprattutto se esce la domenica mattina alle 7.30) trova un tesoro.

Nessun commento:

Posta un commento

E tu, cosa ne pensi?