"Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perchè i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti." (G. K. Chesterton)



lunedì 26 ottobre 2015

"Un ponte tra le Valli"

31 ottobre 2014. Arriva nelle librerie “Un ponte tra le Valli”. E’ il mio primo libro per ragazzi, e va ad affiancare i miei due libri per bambini, “Toppy, un moscerino dal cuore grande” e “Gino e la Vecchia Consigliera”. Un ponte tra le Valli” è una storia fatta di incontri, scontri, scoperte e speranze.
Incontri fra generazioni, perché i protagonisti della storia sono giovani amici che trovano un aiuto inaspettato in una guida matura, saggia, un personaggio molto speciale ispirato e dedicato all’artista Milva, Memoria. Incontri fra popoli diversi, perché la storia si svolge in un futuro ipotetico nel quale il nostro mondo è diviso in due grandi blocchi, la Valle degli Shamaketjiani e la Valle degli Umanoidi, divisi e diversi per tradizioni, culture, storia. Incontri fra la natura, e la vita completamente naturale che caratterizza gli shamaketjiani, e la tecnologia, con la quotidianità fatta di scienza e tecnica degli umanoidi. 


Un ponte tra le Valli” è però anche una storia di scontri, come quello fra il mondo dei ragazzi, ricco di inventiva e intraprendenza, e quello degli adulti, disilluso e incapace di cogliere il positivo dell’energia dei giovani. Ed è proprio nella cornice di un grande scontro che tutta la storia si svolge: lo scontro tra verità e menzogna. Tra la verità tanto cercata dai giovani protagonisti e la propaganda, l’ideologia, la menzogna creata dai potenti per garantirsi il controllo sulla Valle. 
Sono molte le scoperte che cinque giovani amici, i Sognatori Selvaggi, faranno grazie all’aiuto di Memoria, e tutto il loro percorso vuole essere un lampo di speranza. La speranza che, anche quando tutto sembra volgere a favore dell’ideologia dominante, c’è sempre qualcuno che lotta per la verità. A volte sono proprio energie giovani, che sanno trovare conferme e consigli in Memoria, ponte umano (anzi, per essere precisi, shamaketjiano) fra generazioni e verità. 
31 ottobre 2015. Un anno di “Un ponte tra le Valli”. E’ stato un anno molto ricco di incontri, scoperte e speranze. Tutto è cominciato il 22 e 23 novembre 2014, quando ho avuto l’onore di presentare come novità “Un ponte tra le Valli” a Milano, al Primo Salone Internazionale della Piccola Editoria. Per poi continuare con le interviste, a Radio Voghera, Radio Libriamoci Web, Radio Lodi, e la sorpresa delle prime recensioni, La Provincia Pavese, Il Ticino, Il Macaone, LiberWeb, e gli incontri nelle scuole, come quelli negli istituti del circolo didattico di Certosa, e le presentazioni, come quella presso la biblioteca “Anna Frank” di San Martino Siccomario, all’interno della manifestazione letteraria “Libri in Libertà”.


A coronare questo anno ricco di emozioni una grandissima sorpresa: il 31 gennaio 2015, “Un ponte tra le Valli” vince il 19° Premio Nazionale Città di Riparbella.Il racconto di carattere fantascientifico ha una sua coerenza e presenta nel finale una morale che è segno di saggezza, in quanto suggerisce soluzioni a problemi mondiali che affliggono l’umanità e costituiscono una minaccia per il futuro…” (dalle motivazioni della giuria). Grazie alla bella risposta di pubblico esce così la seconda edizione di “Un ponte tra le Valli”, in ristampa dopo solo due settimane. Un anno speciale si avvia verso la conclusione... Cosa riserverà il 2016?

Un ponte tra le Valli” è distribuito a livello nazionale da Centro Libri, Libri Diffusi e Licosa. Per librerie la Feltrinelli e Mondadori, ordini diretti a edigio@edigio.it.

Centro Libri
Tel. +39 030 3539292/3
Fax +39 030 3539294
Libri Diffusi
Telefono e Fax: 0222476225
Licosa
Tel. +39 055 64831
Fax +39 055 641257
Ufficio Ordini EdiGio’
Tel. 0382/696748

Un ponte tra le Valli” è in vendita anche su ibs.it e Inmondadori.it. Se preferisci, ordina online “Un ponte tra le Valli” e ritiralo presso la libreria più vicina a te grazie a GoodBook.it. Salvo ristampe, evasione immediata degli ordini.

Nessun commento:

Posta un commento

E tu, cosa ne pensi?