"Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perchè i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti." (G. K. Chesterton)



giovedì 27 febbraio 2014

"Il primo marzo compriamo un libro"

Sabato primo marzo 2014: il più imponente flash mob letterario di sempre!

Sì, il primo marzo sarà una giornata importante per la cultura italiana. Una giornata nella quale far sentire una voce, forte: “con la cultura si mangia!” E attraverso la cultura si può trovare la chiave che apra all’Italia la strada per il riscatto. Un riscatto economico, ma anche sociale, etico e culturale. E’ utile ricordare la piccola magia che il libro compie quando il prezzo indicato sulla copertina va a dare ossigeno a libraio, distributore, promotore, tipografo, editore, autore, etc etc… Una catena di impegno quotidiano per promuovere la cultura e la libertà di pensiero. Una catena oggi più che mai sotto i colpi dei nuovi colossi tecnologici (poco interessati alla storia passata e alla libertà futura) e di una crisi che trova nella cultura la prima vittima. Lo sconcertante silenzio della politica poi mostra la poca lungimiranza di alcuni potenti, affascinati dalle mode ma incapaci di crearne. La risposta? Ci sarà, e sarà fortissima. Ma assolutamente pacifica e rispettosa, come è lo stile di chi ama i libri.

Un libro come segnale di presenza decisa e voglia di continuare a raccontare la realtà passata e presente, nelle varie forme che la letteratura conosce. Perché, in un mondo che cambia ormai sempre più velocemente, la lettura diviene uno strumento indispensabile per orientarsi, per difendersi, per scegliere il proprio destino. L’iniziativa copre l’intero arco della giornata, con la speranza di raggiungere la concentrazione massima di persone nelle librerie tra le ore 16.00 e le ore 18.00.
Io sarò in libreria, la mia seconda casa. Amici di Toppy e Gino, amici delle favole, amici dei libri, troviamoci tutti in libreria!

Iniziativa realizzata dalla Fondazione Caffeina. Tutte le info su www.caffeinacultura.it      

Nessun commento:

Posta un commento

E tu, cosa ne pensi?