"Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perchè i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti." (G. K. Chesterton)



domenica 9 dicembre 2012

Toppy all'Istituto Maria Ausiliatrice di Pavia

Martedì 4 e giovedì 6 dicembre il mio calendario recitava: lettura animata di “Toppy, un moscerino dal cuore grande” presso l’Istituto Maria Ausiliatrice. Fin qui, tutto normale. Se non fosse che in questo istituto io ho giocato e studiato dalla materna alle medie! O, come si dovrebbe dire ora, dalla scuola dell’infanzia alla scuola secondaria di primo grado!
L’invito era venuto dalla maestra Teresa, anzi, dalla mia maestra Teresa, perché è lei che ha guidato la mia classe del tempo fino alla quinta elementare. Dopo tanto tempo, finalmente il ritorno nella mia vecchia scuola, ma con una veste completamente nuova: da studente a scrittore.
I bambini sono speciali, qualsiasi età abbiano e qualsiasi scuola frequentino: riescono sempre a stupirmi ed emozionarmi. Ma devo ammettere che raccontare l’avventura di Toppy e Zippy nella stessa aula dove tanti anni fa (ma neanche tantissimi) ero seduto io, nel mio bel banchetto dell’ultima fila (per la mia altezza sono sempre stato dietro in classe, nelle foto, nel coro)… E magari ero tutto preso a leggere “Cipì”, mentre la maestra Teresa ce lo raccontava ad alta voce… Che regalo di Natale migliore potevo chiedere?


Martedì 4 è stato quindi un pomeriggio particolarmente magico per me, passato a volare con la fantasia ed i ricordi assieme ad una classe attiva, sensibile e carica d’iniziativa.
Giovedì 6, incontrando la classe prima della maestra Valentina, la magia si è ripetuta, colorandosi di nuove energie. Sono rimasto molto colpito quando un bambino ha alzato la mano e ha detto: “Giacomo, questo tuo racconto insegna a volerci tutti più bene!” 
E’ proprio questa la mia speranza: che il racconto di questi due moscerini possa lasciare un sorriso, ma anche una riflessione. La solidarietà è un valore fondamentale per una società sana: nell’altro, in chi chiamiamo "diverso", abitano potenzialità nuove e vive, che dobbiamo imparare a riconoscere e coltivare. Grazie bambini di averlo scoperto fra le righe della favola, ma soprattutto grazie per la purezza con la quale lo ricordate a noi grandi!


E un grazie veramente unico e prezioso desidero lasciarlo alla maestra Teresa e alla maestra Valentina: senza il vostro invito, senza il vostro entusiasmo e senza la vostra condivisione di fantasia ed attenzione queste letture animate non ci sarebbero state. Che bella invenzione le maestre! Buon lavoro alle vostre classi meravigliose. Alla prossima!

2 commenti:

  1. Che bello! Credo sia un'esperienza emozionante quella di ritornare tra i "vecchi banchi"! E complimenti per il tuo Blog!!
    Serena Riffaldi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Serena, grazie di aver lasciato un pensiero nel mio parco... E' stata un'emozione speciale svolgere queste due letture animate presso l'Istituto Maria Ausiliatrice, perchè oltre all'emozione (che non manca mai) c'erano moltissimi ricordi a farmi compagnia.
      Grazie davvero, benvenuta e... Buone favole!

      Elimina

E tu, cosa ne pensi?